Minestra Pasqualina Della Za’giaquinta

Ingredienti per 4 persone

Abbondante Olio D’oliva
1 Cipolla Tritata Finemente
1000 G Pomodori
1000 G Piselli (o Pisellini Surgelati)
8 Cuori Carciofi
4 Uova Sode

Preparazione

Far dorare in un tegame, con abbondante olio d’oliva, una cipolla finemente tritata, aggiungervi 1000 g di pomodori privati della pelle e dei semi e lasciar cuocere per circa 15 minuti. Sgranare i piselli (ma se usate il corrispondente di pisellini surgelati io non mi sconvolgo…) e versarli nel tegame insieme ad otto cuori di carciofi tagliati a spicchi. Continuare la cottura a fuoco lento finché i carciofi non saranno teneri. Qualche minuto prima di spegnere il fuoco, aggiungere 4 uova sode sgusciate e mescolare un po’ per farle insaporire. Servire la minestra calda in quattro piatti fondi. Nota: chi era la Za’Giaquinta? Nessuno lo sa: probabilmente una contadina di buon senso e di buon gusto che inventò questo piatto squisito e nutriente con ingredienti’poveri’; l’appellativo Za’, così come il simile Gna’, era in Sicilia un modo insieme familiare e rispettoso di chiamare le donne del popolo, in uso soprattutto nelle campagne.

Lascia un commento