Pesce fresco? Ecco come riconoscerlo.

Cominciamo dal principio. Ricordiamo che per legge il pesce esposto deve fornire tutte le informazioni del caso: prezzo, nome, provenienza, se è un pesce di allevamento, congelato oppure pescato.
Già queste informazioni dimostrano la serietà di una pescheria, se mancasse qualcosa potreste anche azzardare a chiamare le autorità competenti per far effettuare un controllo.
Ma procediamo ora con dei controlli molto semplici che possono essere effettuati da chiunque.

Partiamo dall’odore del pesce, potete trovare ovunque indicazioni a riguardo. Ebbene sì, è tutto vero,  il profumo di un pesce è un indicatore molto importante. Deve avere un odore di mare, di fresco, salmastre. Se sentite un odore acido o di ammoniaca lasciamo stare subito. L’ammoniaca infatti viene usata spesso per conservare più a lungo il pesce e per disinfettarlo. Ma siamo matti? Non vorremmo mai un pesce aromatizzato all’ammoniaca.

Adesso osserviamo bene il pesce, e più in particolare gli occhi. Gli occhi devono essere leggermente in fuori (la leggera bombatura dell’occhio insomma), devono essere vivi, con la cornea trasparente a lucida, deve essere presente il nero della pupilla. Se l’occhio è tendente al grigio lasciamo stare, non è sicuramente un pesce fresco.

Parliamo del colore. Il pesce deve essere lucido, brillante alla luce. Le branchie devono essere rosate ed essere umide. Un pesce che alla luce sembra opaco è da evitare, ma per essere proprio sicuri basterà toccarlo.

Il tatto. Se avete la possibilità di toccarlo fate caso alla sua rigidità, che non sia rigidità da congelamento innanzitutto. Le scaglie della maggior parte dei pesci devono aderire al corpo, se al contatto vengono via allora evitiamo (i cefali fanno eccezione). Il pesce deve essere rigido e ricurvo, se lo mettiamo in verticale e si piega su un lato, il pesce non è fresco.
Infine la prova del dito. Proviamo a pigiare sul corpo con un dito e vediamo cosa accade. Proprio a causa della sua rigidità ed elasticità se il pesce mantiene la nostra impronta allora abbiamo la certezza che non è fresco.

Tutte queste indicazioni non valgolo per molluschi e crostacei, per i quali bisogna seguire altri accorgimenti.

 

Foto credits | jayneandd

Lascia un commento